Due mostre al mese – Gli intrecci di Chanel e Jean-Paul Goude a Palazzo Giureconsulti

Pochi giorni ancora per appassionarsi al lavoro di Jean-Paul Goude e visitare la mostra «In Goude we trust!» a Palazzo Giureconsulti. Fino al 31 dicembre, si può scoprire il lavoro di questo eclettico artista e image-maker che da circa trent’anni collabora con Chanel, stupirsi di fronte a una vasta gamma di forme espressive e creative […]

Due mostre al mese – Alla Fondazione Prada per un salto nello studio di Jean-Luc Godard

Una stanza nemmeno tanto grande, il sole che filtra dalle finestre, i film di Jean-Luc Godard che scorrono sul televisore, il computer per il montaggio, le macchine di riproduzione, poster, calamai e la voglia di scoprire meglio questo regista. E’ «Le Studio d’Orphée»: un atelier, uno studio di registrazione e di montaggio, un luogo di […]

Contrada del Passetto: in corso Garibaldi esiste ancora un vecchio vicolo (e la sua numerazione)

Un angolino di Milano che si perde nelle passeggiate in corso Garibaldi, se non si è attenti non si riesce nemmeno a individuare dove si trova questo piccolo vicolo contrassegnato da un numero particolare. E’ la Contrada del passetto. L’attenzione cade su quel numero civico così diverso, 2024. E’ una delle testimonianze ancora visibili della […]

Due mostre al mese – Stupirsi davanti alle foto di «Vivian Maier a colori»

Due sale zeppe di fotografie, scatti rubati, selfie ante-litteram, porzioni di realtà di Chicago e dintorni negli anni ’70 o giù di lì. Ecco la mostra «Vivian Maier a colori», splendido ritratto della società di quegli anni fatto da una fotografa che non ha mai avuto la pretesa di esserlo. Le immagini sono delicate, mai […]

Due mostre al mese – A Palazzo Reale a vedere le opere della collezione Tannheuser

Due mostre al mese è la nuova rubrica che inaugura oggi sul blog. Due.. perché una mostra sola è troppo poco, vederne di più può diventare difficile incastrarle. Due.. perché ve ne racconto una all’inizio del mese, l’altra verso metà così c’è tempo per programmarle e «studiarle». Due.. per dare una piccola scelta.   Cominciamo […]

Dulcis in fundo, pranzo e brunch all’americana come nel soggiorno di casa

Un posto dove sentirsi sempre a casa, in un’atmosfera rilassata e con tante cose buone da assaggiare. É «Dulcis in fundo», locale che si trova in zona Greco a Milano. Cucina casalinga, piatti che cambiano con la cadenza delle stagioni, brunch all’americana e torte gustose e sempre diverse: ecco cos’è questo spazio all’interno di un […]

Hygge, la via milanese per la felicità e lo «star bene»

Scendete giù, scorrete le foto e andate a leggere la «regola numero 9»: questo è il locale con quel nome strano, quello che ha origini nordiche, ma che pochi sanno pronunciare correttamente. Si scrive «Hygge», si legge «huuughe» e significa… tante cose, ma soprattutto lo «star bene» come via per la ricerca della felicità. Entrando […]

Gelsomina Milano, la pasticceria dove si respira l’aria del Sud

Un ambiente rilassato, i colori chiari, le caratteristiche del Sud Italia e un bancone di dolci che richiama fin dalla vetrina. È questo il nuovissimo Gelsomina Milano, la pasticceria che ha aperto da poco in zona Repubblica. L’atmosfera è bellissima e calda e i sorrisi che ricevi all’entrata sono una carezza per l’anima. Al bancone […]

Tre caffè in rosa a Milano: dove fare colazione e merenda tra coccole e gusto

Il rosa sembra essere il tema del momento a Milano… una rivoluzione, almeno per quel che riguarda locali e café. Negli ultimi mesi hanno aperto tanti posticini che sono un invito alle coccole: a entrare, sedersi e trovare tempo per se stessi. Da nord a sud della città, da est a ovest ce ne sarebbero […]

Villa Necchi Campiglio, la «Casa Museo» dallo stile decò nel cuore di Milano

Villa Necchi Campiglio è un posto spettacolare, emana un’atmosfera chic e ricercata fin dal suo ingresso. È in pieno centro a Milano, ma appena si varca il cancello si viene trasportati in un’altra epoca. E sembra subito di trovarsi negli anni ’30, il periodo in cui fu costruita su progetto di Pietro Portaluppi per Angelo Campiglio, […]