Walking on the rooftop to see Milano city center from… a glass sky

Minaccia pioggia, ma non mi lascio scoraggiare dai nuvoloni neri. E nemmeno dai tacchi a spillo indossati, per caso, per camminare… su una passerella bucherellata (scelta casuale..sì, comunque non proprio azzeccata, ma tant’è!).

La vista da lassù ripaga di tutta la fatica di zampettare praticamente sulle punte per mezz’ora. Appena si arriva sui tetti dalla ripida scaletta appare lui. Anzi Lei. Una cupola gigante, così vicina che ti sembra di toccarla. Se ne sta lì, imponente: troneggia orgogliosa su quattro ali rigorose. E per un po’ non fai altro che osservare quelle curve perfette. Poi, lasciando vagare un po’ lo sguardo, si scopre tutto il resto.

Gli aggrovigliati tetti di Milano baciati dagli ultimi raggi di sole, mentre in lontananza sui grattacieli di Porta Nuova si intuisce che si sta scatenando una tempesta. Piazza Duomo che pian piano si svuota si gente e si accende dei colori della sera. Le guglie del Duomo che sembrano una bordura di pizzo.foto19

Nel 1865, la posa della prima pietra; dopo 822 giorni l’inaugurazione; il 30 dicembre 1877 la conclusione definitiva dei lavori. Vinto l’iniziale scetticismo, i milanesi iniziano ad amarla, diventa “il Salotto di Milano”. Sventrata durante la Seconda Guerra mondiale, la Galleria rivive con il primo restauro nel 1955. E il secondo nel 2015…

foto 8foto 11 

foto 3

Threats rain, but I woudn’t be discouraged by black clouds. Or even by the stilettos chosen to walk on a pitted catwalk… (of course, it wasn’t a good choice!). The view from the top repays all the effort of walking almost on the toes for half an hour. Once arrived on the roofs, a giant dome appears: so close that seems you can touch her. The glass dome stands there and for a while you can’t see nothing more. Then you realize everything else.

The first foundation stone was laid in 1865; 822 days after, the inauguration; the final conclusion of the work was in 1877. After some initial skepticism, Milanese began to love the Gallery, quickly become “il Salotto di Milano”. Gutted during the Second World War, the Gallery lives on with the first restoration in 1955. And the second in 2015…

foto 2

foto 18

 

 

 

 

 

 

 

 

 

foto 1foto 10

foto 12foto 13

Lascia un commento