Spotlight and backstage at Venice Film Festival

Il primo giorno alla Mostra del Cinema di Venezia è sempre rutilante..e non è che poi il ritmo rallenti. Anzi! Eppure bastano poche ore per trovarsi immersi in un’atmosfera magica fatta di attori e registi (più o meno divi, più o meno raggiungibili, più o meno ispirati), giornalisti e case di produzione, addetti ai lavori che per i dieci giorni della Mostra si affollano negli spazi del Casinò, delle ‘Terrazze’, del nuovo giardino per lavorare e far conoscere quel che succede intorno al Leone d’Oro.
 
Non è difficile scoprire qualche retroscena curioso e che (a volte) resta sconosciuto ai più.
 
Non è una novità arrivare al Lido 24ore prima dell’inizio della manifestazione (che quest’anno saluta il ritorno di Alberto Barbera come suo direttore) e scoprire che l’allestimento è ancora in corso d’opera: sono al terzo anno di lavoro qui e tutte le volte penso “non ce la faranno mai”…invece come per magia la mattina del mercoledì tutto è perfetto al suo posto, il tappeto rosso srotolato, mancano solo i riflettori accesi. 
Riflettori che quest’anno segneranno l’Ottantesimo della Mostra. Comunemente conosciuta come Venezia69, in realtà celebra i suoi 80 anni: era il 6 agosto 1932 quando, sulla terrazza dell’Hotel Excelsior, fu ideato e realizzato dalla Biennale di Venezia il primo festival cinematografico internazionale al mondo con la proiezione di Dr. Jekyll e Mr. Hyde di Rouben Mamoulian cui seguì un gran ballo nei saloni dell’Hotel Excelsior.
 
E’ una novità per esempio (almeno per me) scoprire un Pierfrancesco Favino, presidente di giuria per la sezione Orizzonti che passeggia sereno e rilassato di fronte al Palazzo del Cinema.
E’ una novità scoprire anche che Jonathan Demme (premio Oscar nel 1992 per la regia de ‘Il Silenzio Degli Innocenti’) regista, sceneggiatore e produttore che a Venezia69 porta Enzo Avitabile Music Life ha da sempre una passione incredibile per il cantautore e sassofonista napoletano al punto da volergli dedicare un film, voler a tutti i costi visitare il capoluogo campano (in un caldo Ferragosto di qualche anno fa) fino ad innamorarsi della città.. c’est la belle Italie…
foto-9
The first day at the Venice Film Festival is always shining.. as all the days in here! Few hours to bring yourself in a magical place full of actors and directors (more or less stars, more or less accessible, more or less inspired), journalists and production companies, insiders: they all for the ten days crowd in the spaces of the Casino, the ‘Terraces’, the new garden to work and raise awareness of what is happening around the Golden Lion.
Only 24 hours before the event begins, the Lido seems not ready to host the Festival (which this year welcomes the return of Alberto Barbera as its director) and everything is still a work in progress..but on wednesday morning the red carpet is setted up, the terrace roof is ready, the press room is working.
Are you curious about a backstage news? Jonathan Demme (Oscar winner in 1992 for ‘The Silence of the Lambs ‘) at Venezia69 with his Enzo Avitabile Life Music has always been an incredible passion for the Neapolitan singer and saxophonist: so passionate about him to dedicate a film to Avitabile, to visit the city of Naples (in a hot August day a few years ago) and fall in love with the city .. c’est la belle Italie..

Lascia un commento