Escape from reality, that’s the holiday essence

E’ crisi o non è crisi? Lo spunto per il post di oggi nasce da una domanda posta da un sito di prenotazione alberghiere. “Vacanze? Cosa sono?” ci si chiede sui social network, mentre online si moltiplicano sondaggi per capire cosa, come, quanto si organizza e si spende per le vacanze estive 2012. E’ indubbio che la spesa degli italiani per l’estate fiaccata da crisi, Imu, balzelli vari e accise dei carburanti sarà più contenuta. “Vacanze liofilizzate” le ha definite la società di consulenza turistica Jfc nel Rapporto ‘Mode, tendenze e previsioni della vacanza al mare 2012’: ovvero, sostanzialmente vacanze “pensate e desiderate” eliminando tutto il superfluo, l’eccessivo, l’inutile. Insomma bye-bye momenti mondani. Meno spese al bar, meno gelati, tagliati i servizi in spiaggia, meno riviste sotto l’ombrellone, ridotte le visite culturali e quelle di divertimento. E dunque quali sono i nuovi range di spesa? In media per una settimana di vacanza al mare ogni italiano spenderà 574,00 euro contro i 644,00 euro dello scorso anno, con una riduzione dell’11%. Resta insomma l’essenza, cioè appunto la fuga dalla realtà…quello stato mentale di sogno e relax che punta a sostituire il presente. Una vera e propria terapia che si insinua a metà tra la nostalgia dei bei tempi passati in cui tutto era concesso e il coraggio di esplorare sempre nuovi territori. La vera capacità starà allora nel saper rendere anche il nuovo stile vacanziero un’opportunità di relax e soddisfazione.
foto-13
Holidays: when to leave? to go where? how much to spend? Everyone wonders on social networks to understand how to organize for summer 2012. It’s no doubt that the expense of the Italians will be more limited. Jfc defined the new tourism “Holidays lyophilized”: so bye-bye glamorous moments. Less expense at the bar, less ice-creams, services at the beach cutted, less gossip magazines, cultural visits shorted. In short, the essence remains: an escape from reality. A real therapy that sneaks in between the melancholia of that time when everything was permitted and the courage to explore a new holiday style.

Lascia un commento